Una donna fantastica (Film, 2017)

Titolo originale:
Una mujer fantástica
Anno:
2017
Valutazione:
Genere:
Dramma
Regia:
Sebastián Lelio
Attori:
Daniela Vega, Francisco Reyes, Luis Gnecco, Aline Küppenheim

Trama:

Marina, giovane trans, lavora come cameriera durante il giorno, e di sera si esibisce come cantante in un piccolo locale di dubbia reputazione. La sua vita si complica improvvisamente dopo la morte del fidanzato - uomo molto più grande di lei - che la costrigerà a confrontarsi con una serie di ostilità sia da parte delle autorità sia da parte della famiglia del defunto amore
Titolo originale:
Una mujer fantástica
Anno:
2017
Valutazione:
Genere:
Dramma
Regia:
Sebastián Lelio
Attori:
Daniela Vega, Francisco Reyes, Luis Gnecco, Aline Küppenheim

Recensioni:

Recensione di Ilaria Feole da FilmTV
"Non so cosa sei", "non so cosa sto guardando", dicono a Marina i parenti dell'uomo che lei amava, morto al suo fianco. Quell'uomo che invece, vedendola, sapeva bene cosa vedeva: Una mujer fantastica. Così il lutto, per la transessuale Marina, è perdita non solo dell'amato, ma brutale privazione del diritto di affermare la sua identità e i suoi desideri. Sebastián Lelio avvolge la sua (meravigliosa) protagonista in una selva di doppi, di specchi e di fantasmi, cucendole su misura un percorso identitario, anche quando risaputo, onesto ed empatico, pervaso di una tensione autentica anche nel simbolismo smaccato....
Recensione di Roberto Manassero da FilmTV
«Quando ti ho davanti non so cosa vedo», dicono a Marina, la protagonista transessuale di Una donna fantastica, i parenti dell’uomo che la donna ha amato e che non può piangere. Agli occhi degli altri Marina non è un uomo, legalmente non è ancora una donna e ora che il suo amante è morto non può pretendere di esserne la vedova. Marina si riflette dentro vetrine e specchi onnipresenti: l’immagine che il mondo le restituisce mostra una figura sdoppiata. Eppure, dentro di sé, è unica, è semplicemente una donna. Allontanata dalla famiglia dell’amante, lotta per ottenere rispetto e considerazione, per...
Recensione di Ilaria Feole da FilmTV
"Non so cosa sei", "non so cosa sto guardando", dicono a Marina i parenti dell'uomo che lei amava, morto al suo fianco. Quell'uomo che invece, vedendola, sapeva bene cosa vedeva: Una mujer fantastica. Così il lutto, per la transessuale Marina, è perdita non solo dell'amato, ma brutale privazione del diritto di affermare la sua identità e i suoi desideri. Sebastián Lelio avvolge la sua (meravigliosa) protagonista in una selva di doppi, di specchi e di fantasmi, cucendole su misura un percorso identitario, anche quando risaputo, onesto ed empatico, pervaso di una tensione autentica anche nel simbolismo smaccato....
Recensione di Roberto Manassero da FilmTV
«Quando ti ho davanti non so cosa vedo», dicono a Marina, la protagonista transessuale di Una donna fantastica, i parenti dell’uomo che la donna ha amato e che non può piangere. Agli occhi degli altri Marina non è un uomo, legalmente non è ancora una donna e ora che il suo amante è morto non può pretendere di esserne la vedova. Marina si riflette dentro vetrine e specchi onnipresenti: l’immagine che il mondo le restituisce mostra una figura sdoppiata. Eppure, dentro di sé, è unica, è semplicemente una donna. Allontanata dalla famiglia dell’amante, lotta per ottenere rispetto e considerazione, per...
Titolo originale:
Una mujer fantástica
Anno:
2017
Valutazione:
Genere:
Dramma
Regia:
Sebastián Lelio
Attori:
Daniela Vega, Francisco Reyes, Luis Gnecco, Aline Küppenheim

Trailer:

Dove vederlo in streaming

Abbonamento streaming Noleggio streaming Acquisto streaming

Hai trovato qualcosa che non va? Aiutaci a migliorare!

In fondo anche Matrix non era perfetta… inviaci la tua segnalazione su info@filmamo.it . Grazie!